dipendenze

Questa mattina vi parlerò di DIPENDENZE ..

Quando si parla di dipendenze si pensa subito nel peggiore dei casi all’assunzione di sostanze chimiche , ma il mio tipo di dipendenza credo che sia il peggiore ..

Questa mattina ero di fretta , dovevo recarmi al paese vicino ( 6 km) per sbrigare dei documenti e per fare prima ho lasciato i figli a casa da soli .

Quindi esco in fretta e furia lasciando il piccolo 5enne che dorme nel lettone e la grande 17enne che sonnecchia in camera sua .

Arrivo a destinazione con largo anticipo cosi mi infilo nel primo bar perché dalla fretta non ho fatto neanche colazione e il mio pancino comincia a insultarmi ! chiedo un caffè e mentre rovisto nella borsa modello MARY POPPINS cercando il portafogli mi rendo conto di aver lasciato il cellulare a casa …

                                                     PANICO  !!!!!

Cerco di fare mente locale mentre continuo a rovistare nella mia borsa abnorme trovando di tutto tranne il cellulare ..

Insomma niente totalmente in panico decido di andare in cerca di un telefono a scatti o di una cabina telefonica … IL CLASSICO AGO NEL PAGLIAIO !!! con l’avvento dei cellulari ormai le cabine telefoniche sono diventate obsolete e in disuso , non so quanta strada abbia fatto perché tra la pressione del appuntamento  imminente e la paura di aver lasciato i MIEI POVERI BIMBI  a casa da soli credo di aver corso per tutto il paese !! .

Finalmente trovo una sudicissima cabina telefonica , mi ci scaravento dentro e faccio come in trans il mio numero di telefono eeee ..

nessuna risposta …ANSIA … alla fine mi reco all’appuntamento febbricitante sfodero i documenti pregando nella mia testa che il commercialista sfoderi la velocità supersonica maaa… NON TROVA IL DOCUMENTO !!!  e mentre sempre nella mia testa comincio a creare istinti omicidi da un altro ufficio si sente una voce di donna che dice .. CE L’HO IO ..CE L’HO IO !!

Tiro un sospiro di sollievo perché finalmente posso andarmene ,vado di corsa alla fermata dell’autobus arrivo col fiatone e comincio a pregare che arrivi presto e non sia in ritardo come al solito , mentre aspetto una signora molto anziana mi chiede l’ora  ed io istintivamente apro la borsa ma mi rendo conto che l orologio è il mio cellulare .

Oramai non possiamo farne più a meno siamo completamente dipendenti , col cellulare gestiamo la nostra intera vita ; lavoro,famiglia ,tempo libero ..

MA COME FACEVAMO QUANDO IL CELLULARE NON ESISTEVA ?

A fronte di questa riflessione sono salita sul autobus pensando che ormai i miei figli non sono più cosi piccoli e che sono perfettamente in grado di cavarsela senza di me per un’ora, cosi me ne torno a casa serena e tranquilla e al mio arrivo trovo il piccolo stravaccato sul letto che guarda i cartoni e la grande in cucina che fa i compiti per le vacanze …

I miei piccolini stanno crescendo ed io non me ne ero neanche accorta ! .

 

Annunci
dipendenze

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...